Home League of Legends Riot si scusa per la cinematica della Stagione 13

Riot si scusa per la cinematica della Stagione 13

Prima le critiche, poi le scuse. Questo è stato il processo che ha dovuto subire Riot Games dopo la cinematica rilasciata nella giornata di ieri riguardante l’inizio della Stagione 13 di League of Legends.

https://twitter.com/LeagueOfLegends/status/1612736707220369408?s=20

Riot si è sempre distinta per la sua altissima qualità e creatività produttiva e le cinematiche annuali sono ormai un appuntamento fisso per la community per vedere cosa riserverà il futuro del MOBA, questa volta invece i fan si sono trovati davanti a un video piuttosto breve e povero a livello qualitativo, senza quell’ispirazione che ha reso la compagnia uno degli standard in questo settore.

Il backlash è stato senza precedenti: il video in meno di 24 ore ha raggiunto quasi 100 mila non mi piace su un totale di 750 mila visite, un rapporto spaventoso e molto preoccupante se paragonato ai soli 20 mila mi piace.
Scorrendo nei commenti la situazione peggiora solamente, con centinaia e centinaia di utenti delusi dal povero lavoro dell’azienda e la mancanza di chiarezza nell’ultimo periodo.

Costretta da questo boom in negativo, Riot ha dovuto rilasciare un piccolo comunicato sulle proprie pagine social per scusarsi con la propria community e assicurare loro che ci sono dei grandi piani in corso per League of Legends e che questo è stato solamente un piccolo passo falso nel loro percorso e una mancanza di comunicazione.

Scuse che sembrano essere piuttosto “scontate” e obbligate ma non davvero sentite: se, come detto da loro ci sono progetti importanti pronti a essere presentati, perché non dirlo sin da subito? Perché, invece di accontentarsi di una cinematica insufficiente sotto tutti i punti di vista, non si è puntato sulle notizie pronte da svelare?
Scusarsi non è mai sbagliato, pensare che quel contenuto possa rispettare l”asticella alzata da Riot stessa si però. Ed è qui il problema principale.

Alcuni stanno pensando da tempo che il focus della compagnia si sia spostato verso i nuovi titoli, Valorant su tutti. Potrebbe essere questo l’inizio della fine di League of Legends per come lo abbiamo conosciuto?